Incontro con L’autore Alessandro Raggi si parlerà del Mito dell’Anoressia, archetipi e luoghi comuni delle patologie del nuovo millennio

Alessandro Raggi non si lascia né attrarre né sedurre da metodi psicoterapeutici inventati qui o altrove e quindi importati, che, saltando Freud, Jung e Adler, si affidano a “facili e semplici” tecnicismi per la terapia di patologie psicologiche. Egli sa che i percorsi analitici sono duri, difficili, aspri e impervi, pieni di difficoltà, ma sono gli unici che permettono di comprendere e interpretare il dolore che è sotteso alle varie manifestazioni delle persone ammalate.

Egli ripercorre da Freud a Jung tutto lo sviluppo delle dinamiche interne della persona. Recupera il discorso sulla “psiche”, cioè sull’anima, perché queste figure e i loro significati, sono presenti nel cuore degli esseri umani.
Riporta anche il discorso sui counseling, sui seguaci di filosofie orientali, e su folti gruppi di persone che oggi agiscono a lato degli psicologi, ma fuori da ogni organizzazione e riconoscimento scientifico. Ed egli così argomenta: se ci sono questi soggetti, counselor, coach etc., ed essi sono richiesti da molte persone, è perché loro sanno ancora parlare agli uomini di “anima”, di “psiche”, e riescono a interpretare i bisogni spirituali degli uomini.
Cioè essi operano dopo aver eroso una larga striscia di terra agli psicologi che l’hanno lasciata incustodita e abbandonata.

Ma come si fa a riottenere tali beni perduti se molti di noi hanno smesso di parlare di psiche, come fosse un fardello ancora da portare e quindi vale la pena di abbandonare lungo il cammino? Così facendo gli psicologi si dimenticano persino della loro provenienza. Gli “psico-logi” sono quelli che devono condurre un discorso sulla psiche, che devono parlare di psiche, e occuparsi di tutto quello che questo complesso, che chiamiamo psiche, racchiude.

L’autore non arretra di un solo passo. Non soltanto abbiamo smesso di parlare di psiche e dianima, ma anche di sentimento, lasciando spazio a una ragione spesso ingombra e fuorviata da effetti di alone, da processi proiettivi, da équazione personale, da fenomeni d’introiezione. È una ragione che spesso non riesce a guardare a quello che sta dietro alle cose e ai comportamenti umani.

Egli parla dell’opacità in cui è caduto il “sentimento”. Lo dice ancor meglio usando l’espressione di “eclissi del sentimento” perché c’è in lui, che è giovane, ancora la speranza del recupero di certe praterie.

E non lo fa per una difesa d’ufficio, quanto perché crede di dover indicare a tutti, e a stesso, che sono proprio gli psico-logi che stanno cercando di annientare le scoperte sulla struttura e sul funzionamento della psiche, cioè del complesso delle rivelazioni che iniziarono da due o tre medici, psichiatri e neurologi, come Freud, Jung, Adler, ai quali dobbiamo tutta la visione di un mondo diverso e interiore, più ampio che qualsiasi galassia.

Lo fa anche ripercorrendo tutto il tragitto fatto da Jung, dalle funzioni della psiche, ai tipi psicologi, agli atteggiamenti dei singoli nelle relazioni interpersonali e nelle relazioni oggettuali. Parla degli Archetipi, dei simboli e dei miti sino a giungere agli aspetti alchemici della psicologia analitica.

Tutto questo lo fa con la naturalezza di chi queste cose le ha studiate, osservate, rinvenute nel corso del lavoro terapeutico, e sulle quali ha riflettuto lungamente.

 

per maggiori info e per partecipare all’evento visita la pagina facebook del CAT Centro Armonico terapeutico Campogalliano oppure il sito del CAT Campogalliano 

inizia qui
Una info al volo?
Ciao! Se hai bisogno mandami un messaggio senza impegno