Sostegno psicologico per dipendenze affettive

Sostegno psicologico per dipendenze affettive a Modena
con la dottoressa Sonia Venturini

Psicologa e psicoterapeuta Sonia Venturini. Percorsi di consapevolezza per donne che chiedono di uscire da dipendenze affettive e situazioni di violenza.

Faccio parte dello staff di professionisti del Centro CAT, Centro Armonico Terapeutico, di Campogalliano (Modena), che dal 2019 è centro di seconda accoglienza per donne vittime di violenza.

Il nostro staff di professionisti accoglie la donna vittima di violenza e la accompagna in un percorso di consapevolezza per uscire da una situazione di dipendenza affettiva. La presa in carico prevede un primo colloquio con una nostra consulente, Paola Vigarani, esperta in prima risposta d’emergenza in situazioni di violenza, successivamente la persona può decidere di partecipare al gruppo di Auto Mutuo Aiuto “Le Fenici”, gruppo di sostegno tra donne vittime di violenza. All’interno del nostro staff è presente anche un’avvocatessa, Manuela Toni, con la quale collaboriamo per situazioni di mobbing, stalking e denuncia delle violenze subite.

Gruppo AMA Le Fenici
Gruppo di Auto Mutuo Aiuto a sostegno di donne vittime di violenza. Si tratta di un gruppo di AIUTO, rivolto a donne che intendono uscire e rielaborare una relazione amorosa con partner con comportamento violento o più in generale modificare e superare una relazione dipendente. PAGINA FACEBOOK “LE FENICI”

 

Come si organizza il mio intervento
con l’approccio dello Schema Therapy

Il mio intervento in particolare si orienta sull’individuazione degli schemi disfunzionali, attraverso l’approccio dello schema Therapy, che hanno portato la donna a rimanere in una relazione violenta.

L’approccio integrato dello schema Therapy è stato sviluppato dallo psicoterapeuta Jeffrey Young tra il 1990 e il 1999.

Si sviluppa a partire dall’approccio comportamentale classico ma integra tecniche di diverse scuole come l’analisi transazionale e la gestalt, risultando maggiormente efficace per l’intervento con persone che vivono disturbi gravi e invalidanti.

Nella psicologia dello Schema Therapy uno schema è un principio secondo il quale interpretiamo e diamo significato alle esperienze vissute.

 

Schemi adattivi o maladattivi

A seconda del significato che la persona da all’esperienza può svilupparsi uno schema adattivo oppure maladattivo.

Uno schema maladattivo sono modi ripetitivi e poco flessibili di adattarsi alla realtà, e hanno origine dalle nostre esperienze passate.

Si sviluppano nella prima parte della storia del soggetto, e sono poco funzionali alla realtà dell’adulto.

 

La condizione di violenza

In una condizione di violenza, la vittima potrebbe trovare maggiormente difficile l’uscita dalla situazione di violenza, se ha sviluppato particolari schemi maladattivi, come lo schema di sottomissione, lo schema di autosacrificio e/o lo schema di ricerca di approvazione e di riconoscimento.

L’obiettivo dell’intervento attraverso l’approccio dello Schema Therapy è quello di trasformare uno schema maladattivo in uno schema più funzionale.

Siccome lo schema è un insieme di ricordi, emozioni, sensazioni somatiche, il processo di correzione consiste nel ridurre la pervasività dei ricordi ad esso associati e la qualità dei pensieri negativi ad esso associati.

Nella fase successiva, affinchè l’intervento diventi efficace, deve avvenire l’apprendimento di strategie nuove ai comportamenti finora legati allo schema maladattivo.

Il trattamento avviene quindi ad un triplice livello:

  • cognitivo
  • emotivo
  • comportamentale

Attraverso questo processo di elaborazione lo schema si indebolisce e si attiva con una frequenza e un’intensità sempre minori, permettendo alla donna di vivere esperienze emotive e comportamentali più positive e più facili da gestire.

Contatta la dottoressa Sonia Venturini

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    inizia qui
    Una info al volo?
    Ciao! Se hai bisogno mandami un messaggio senza impegno