Eh, oh.. sono il risultato di anni di vessazioni e sevizie, fra l’altro, negli anni che contano di piu’: da zero a 14 anni.

Se poi ci mettiamo anche gli abusi (seppur lievi) da parte di pedofili a 5 e 12 anni, la violenza subita a 17 anni e lo stupro a 19 anni, l’opera è compiuta!

Danni irreversibili, mi avevano detto!!

Oggi ho 65 anni e sono la miglior versione di me stessa: un grande cuore pulito e tanta voglia di vivere in pace e serenita’.

Ho attratto narcisisti di ogni risma e non sono tanto scaltra.

Forse sono i danni irreversibili?

Ancora ci provo, ma fondamentalmente oggi mi voglio bene.

Sonia l’ho incontrata tardi.

Avevo già 63 anni ed ero a pezzi e sull’orlo della pazzia per la storia con l’ultimo narcisista di turno che credevo fosse amore.

Mi ha aiutata senza mai interferire o giudicare, a guardare quello che non riuscivo a vedere e mi ha fatto anche venire voglia di “studiare” il fenomeno.

Dei miei genitori non ho un dolce ricordo: li ho smascherati, poveretti e spero di non incontrarli mai piu’!

Non ho paura a dirlo e meno male che se ne sono andati, seppur nel doloroso distacco. Perche’ io ho ripreso a vivere.. come un reduce del vietnam, ma ho ripreso.

Si’, il vietnam della mia emotivita’ che non riuscivo piu’ a contattare.

Mi sono accorta di aver vissuto dei veri e propri sequestri emotivi.

Ancora mi capita, a volte, ma sono piu’ vigile e attenta.

Diciamo che ho i nervi scoperti e sono sempre in allerta.

Ho imparato a dialogare con la me bambina, che mi e’ grata per la cura.. e le sono grata per la pazienza. E ce lo diciamo a voce alta!

– Grazie,  mi hai preparato un buon pasto! –

Fra le righe: era tanto che ti aspettavo.

Grazie, Sonia!